'
Le caratteristiche
Lunghezza :
6880 metri
Terreno :
asfalto 65%, sterrato 35%,
Dislivello totale in salita :
115 m.
Dislivello totale in discesa :
112 m.
Descrizione:
Nel 2011 il percorso è stato modificato e dai due giri a dire il vero non troppo belli, si è passati ad un giro solo all'interno del Parco del Lago Grande di Avigliana. Speriamo che questo tracciato rimanga tale anche nelle prossime edizioni.
Percorso non lungo ma impegnativo con continui saliscendi che spezzano il ritmo. Per essere una gara post Natalizia, il tracciato richiede al podista un buon allenamento. Ottimo allenamento per chi ha ijn programma le campestri.
Partenza da Via Suppo di fronte agli impianti sportivi, Breve rettilineo e qundi svolta a destra; ed è subito salita per 300 con un dislivello del 6%. Si svolta quindi a sinistra in Via Monte Pirchiriano e si scende verso la sponda nord occidentale del Lago Grande. La discesa è ripida e in certi tratti raggiunge il 12% di pendenza. Si passa a fianco del Museo Dinamitificio Nobel e si prosegue diritto in direzione Frazione Grignettoi che si raggiunge con una salita breve ma ripida (11% il tratto più pendente. Si sbuca in Via Monginevro e si svolta a destra. Si percorre la strada asfaltata che conduce alla Borgata Grignetto. Si procede su falsopiano in leggera discesa. Si svolta quindi a destra in Via Prole e si percorre il rettilineo che conduce alla zona industriale. Si svolta nuovamente a destra in Via dei Mareschi; inizia il tratto in sterrato e un rettilineo lungo oltre 1500 ci riporta sul lungo lago nei pressi del Dinamitificio Nobel..Si ripercorre all'incontrario il percorso dell'andata... adesso la pendenza del 12% è da percorrere in salita e alcuni camminano.. La volata finale è in discesa più 150 metri di rettilineo. I chilometri sono segnati.

 

Curiosità e Info turistiche:
Per chi volesse fermarsi a Trana dopo la gare, due sono i punti di interesse da visitare. Le rovine del castello che si trovano sul poggio poco sopra la partenza della gara e il Santuario nei cui dintirni probabilmente avete parcheggiato.
Il Santuario della Madonna dei Laghi: è un luogo di culto mariano sito ad Avigliana, in Piemonte nella provincia di Torino. Prende il nome dal fatto di essere costruito sul bordo di uno dei due laghi di Avigliana. I lavori per la costruzione dell'edificio possono farsi risalire al novembre 1622 quando, per volere del duca di Savoia Carlo Emanuele I, vennero incaricati della costruzione del santuario Bartolomeo e Bino Lumaga, seguendo un progetto di Nicola Ramelli, allora architetto ducale. La cupola risale al 1638, opera di Antonio Rolla.
Avigliana è anche conosciuta per il grande numero di piloni votivi. Informazioni su un circuito di visita di questi luoghi della fede si trova sul volume Le strade della fede.
Dinamitificio Nobel: A est della palude dei Mareschi si trovano i monumentali resti della più importante fabbrica mondiale di esplosivi degli anni '40. La ragione principale di tale scelta dislocativa fu certamente la presenza di formazioni collinari che consentivano una protezione dell'abitato dagli effetti delle deflagrazioni che potevano essere causate da questa pericolosa attività. Il complesso che rappresenta uno degli esempi più interessanti di architettura industriale d'inizio secolo, fu tra i primi stabilimenti industriali di Avigliana; allora era denominato "Società Anonima per la fabbricazione della dinamite, brevetto Nobel ". Per iniziativa di un gruppo di cinque banchieri parigini e della Società Alfred Nobel di Amburgo si diede inizio alla realizzazione dello stabilimento che venne completato nel 1873. Nel 1908 la Società Nobel acquistava inoltre dalla famiglia Cravotto altri terreni in regione Allemandi per l'insediamento di stabilimenti per la produzione di nuovi tipi di polvere. Nel 1825 dal piccolo reparto del "primogenito" stabilimento Valloya, su brevetto dell'americana Dupont, prese avvio la fabbrica di vernici Duco, complesso che entrò, in seguito, nel Gruppo Montecatini.
Durante l'ultimo conflitto mondiale l'area fu teatro di bombardamenti e soggetta ad azioni partigiane. La successiva crisi delle commissioni militari e le variate esigenze dislocative provocarono il decadimento progressivo del complesso industriale che cessò la produzione negli anni '60 del secolo scorso. Recentemente su questo stesso tessuto hanno ripreso forza varie attività, raggruppate in un Polo Integrato di Sviluppo, dando vita ad una moderna e dinamica zona industriale. Presso il Museo è inoltre disponibile il punto ristoro Caffè TRITOLO, gestito dall'Associazione MusicAround. Offre ai visitatori la possibilità di fruire di una confortevole sosta grazie ai servizi di caffetteria, ristoro, pasti completi e merende sinoire (su prenotazione) a base di prodotti tipici locali. www.caffetritolo.it

Il museo è aperto tutti i giorni con i seguenti orari:

ottobre-marzo (invernale): lunedì-venerdì: 10.00-12.00, 14.00-18.00. Sabato e domenica: 14:00-18:00
Ultimo ingresso: 17.00.

aprile-settembre (estivo): lunedì-venerdì: 10.00-12.00, 14.00-19.00. Sabato e domenica 10:30-19:00
Ultimo ingresso: 18.00.

 
Il tracciato della Gara

un tratto del percorso a fianco del Lago Grande...

La sottostante mappa Google Earth vi permette di visitare la zona del percorso tramite i comandi interattivi.

 

 
 

Lista Descrizione Percorsi Gara

 

Home Page